Guidare sotto la pioggia: alcuni consigli per farlo al meglio

| | Facebook Twitter Email

Guidare sotto la pioggia: alcuni consigli per farlo al meglio
La pioggia può essere affascinante, se si è a piedi o al calduccio. Cosa succede quando ci prende alla guida della nostra moto? Ecco alcuni piccoli consigli per non farsi trovare impreparati!

Per vedere anche gli altri nostri articoli raccolti e in ordine vai a: Le Guide del Giovedì

La scorsa settimana abbiamo parlato del SAG e di come si regola, clicca qui se ti interessa!

 

I’m driving… in the rain. Just driving in the rain!

Forse la canzone non diceva proprio così, ma la pioggia se da un canto può risultare molto affascinante, dall’altro può rivelarsi fastidiosa e, probabilmente, anche pericolosa.

Questo evento può tradursi in esperienze poco piacevoli mentre si è alla guida, pertanto è sempre bene essere attenti e procedere con accortezza!

 

Anche i piloti migliori potrebbero essere in difficoltà sotto il diluvio, quindi oggi vogliamo proporvi alcuni input per procedere al meglio anche under the rain.

Abbigliamento

Divertirsi quando si è fradici è sicuramente impossibile.

Anzi: il rischio di raffreddarsi è dietro l’angolo, quindi il primo consiglio è quello di portare sempre con sé un buon antipioggia.

Possibilmente traspirante e comodo che, all’occorrenza, funge anche da antivento.

 

C’è chi preferisce le tute intere e chi, invece, un completo spezzato.

It’s up to you, ma in ogni caso l’importante è averlo.

 

In particolar modo se si indossa una tuta di pelle (i completi da turismo spesso sono waterproof o dotati di una membrana rimovibile interna, con proprietà idrorepellenti) si consiglia sempre di optare per colori accesi: la pioggia diminuisce la visibilità, e noi moto siamo piccole sia in strada che in pista.

Un colore acceso è spesso l'unico modo di farsi notare ed evitare un incidente.

 

Se non volete utilizzare dei guanti di lattice, da cucina o da giardiniere sopra quelli da moto (vecchio trucco del nonno), sarebbe il caso di provvedere a un paio di guanti antipioggia!

Si rivelano molto più comodi di quello che sembrano, e diventeranno un compagno inseparabile anche nelle giornate di freddo.

 

Ultima accortezza: una copertura per i piedi.

Non tutti gli stivali sono pronti all’acqua, quindi proteggerli si rivelerà sicuramente un’ottima strategia.

 

Il rischio di ipotermia sulla moto c'è, quindi meglio prevenire che curare! E, si sa, mani e piedi caldi e asciutti sono fondamentali.

 

La guida

La guida dovrà essere la più delicata e fluida possibile.

Se per strada non è necessario “fare i fenomeni” sull’asciutto, a maggior ragione sarà doveroso procedere con cautela sul bagnato.

 

Ridurre la velocità in primis, per poi scegliere traiettorie facili e morbide da seguire.

 

Cerchiamo di ridurre gli angoli di piega e muoverci molto di più con il corpo, per lasciare la moto meno piegata possibile.

Sembra controintuitivo, ma è il comportamento più sicuro da tenere.

 

Fluidità is the keyword. Distanza di sicurezza la seconda e frenata moderata la terza.

 

Cerca di essere morbido sulla sella, rilassa il corpo.

Non contrastare i piccoli movimenti della moto e mantieni una presa salda ma leggera sul manubrio.

 

La frenata

Anche la frenata avrà un’importanza maggiore. Si rivelerà necessario rallentare in anticipo (dimenticate le staccate dell’ultimo momento!) per non osare né sfruttare eccessivamente il freno, soprattutto quello anteriore se avete la moto inclinata.

 

Il freno verrà utilizzato in maniera più equa tra anteriore e posteriore.

 

Una pinzata troppo brusca con la leva destra potrà comportare il blocco della ruota anteriore, aumentando di molto il rischio di caduta.

Se a bloccarsi fosse il pneumatico posteriore, la situazione sarà più "tranquilla" e basterà allentare la pressione del pedale per ristabilire l’equilibrio.

 

Asfalto bagnato non significa necessariamente frenare meno.

Anzi, è ancora possibile frenare molto forte anche con strada bagnata, ma per farlo sarà ancora più importante essere graduali, fluidi e, soprattutto, a moto dritta.

 

Il manto stradale

Questo ovviamente non dipende da noi, ma noi possiamo indubbiamente modulare la nostra guida in base alla pavimentazione, che dobbiamo sempre osservare mentre guidiamo.

 

Evita il più possibile strisce di vernice e catrame (le strisce pedonali non perdonano!).

 

Evita anche tombini, asperità o binari.

 

Superarli sempre “galleggiandoci” sopra, quindi in corsa, ma senza esagerare né frenarvi o accelerandovi su.

In questo modo avrai la giusta spinta in avanti per procedere senza intoppo, ma non troppa da farti perdere trazione.

 

Occhio alle pozzanghere! Non si sa mai quanto profonde o accidentate possano rivelarsi.

 

La manutenzione del mezzo

Potrebbe sembrare un’esagerazione, eppure un mezzo efficiente lo è anche in condizioni di disagio, cosa che agevola molto la guida.

 

Un buon pneumatico, non troppo usurato e dal battistrada valido, sarà sicuramente d’aiuto nella guida sotto l’acqua.

 

Come in tutte le circostanze, verifica la pressione delle gomme, che sotto la pioggia è ancora più critica.

Leggi qui un nostro approfondimento sulle pressioni delle gomme!

 

E qui il suo proseguimento, dove parliamo anche di guida&pressioni sul bagnato!

 

Last but not least, la catena! Una catena correttamente pulita, ingrassata e tesa può incidere sulle prestazioni della ruota posteriore; se non settata al meglio potrebbe alterarne il grip.

 

Come sempre ti aspettiamo ai nostri Corsi di guida in pista per insegnarti a perfezionare il tuo controllo, tecnica, velocità, divertimento e sicurezza sulla moto!

Contattaci per saperne di più, ci puoi raggiungere anche su FacebookInstagram o via mail a info@portamiinpista.it!

Abbiamo aperto un canale YouTube!

Se vi iscriverete in tanti caricheremo le nostre Guide e i nostri consigli sulla tecnica di guida anche lì.

Porteremo approfondimenti sulle nostre gare e focus sulla guida in moto e la vita dei nostri Piloti!

Che aspetti? Iscriviti e condividilo con i tuoi amici!

Clicca qui!

 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

 

Come usare il freno posteriore sul bagnato

 

Il mito della cera sulle gomme da moto

 

Se vuoi più info sui nostri Corsi di perfezionamento della guida della moto oppure se vuoi parlare con uno dei nostri piloti contattaci su FacebookInstagram o mandaci una Email info@portamiinpista.it!

Se hai trovato questa guida utile, condividila con i tuoi amici motociclisti usando Facebook, WhatsApp o mandandogliela via mail. Trovi dei comodi bottoncini per farlo qui sotto!

Ogni biker può fare il suo per aiutare la nostra community: noi pensiamo a scrivere, tu puoi diffondere! Facebook, WhatsApp, E-mail e altri social... vale tutto: condividi questa Guida cliccando sui comodi bottoncini qui sotto!