7 Consigli su Come Preparare la Moto per L'inverno (+ 1 extra!)

| | Facebook Twitter Email

7 Consigli su Come Preparare la Moto per L'inverno (+ 1 extra!)
In questa Guida ti spieghiamo come preparare al meglio la tua moto durante la pausa invernale o per tutte quelle volte che la tieni ferma per un periodo di tempo prolungato

Per vedere anche gli altri nostri articoli raccolti e in ordine vai a: Le Guide del Giovedì

...finalmente è arrivata la primavera!
Corri verso l’armadio, tiri fuori casco, giacca e protezioni perchè oggi è il giorno che stavi aspettando da mesi: un pallido sole ti saluta, ecco arrivata la giornata perfetta per il tuo primo giro in moto dell’anno!

Ti vesti, casco sottobraccio e corri in garage, salti in sella e . . . 

La moto non parte.

Tu fai qualche tentativo, lei ci prova disperatamente, ma non vuole saperne.

Ed è tutta colpa dell’inverno! Dell’inverno sì, ma anche di un paio di semplici accortezze che non hai avuto l’ultima volta che l’hai messa via.

Noi Portami in Pista siamo qui apposta per evitarti questo terribile inconveniente con una bella guida pratica (e intendiamo veramente pratica).

Ci sono moltissime opinioni sul come trattare la moto per prepararla alla stagione invernale, quando - ahinoi - il clima non permette di farsi una pistata come si deve. Tuttavia, poche sono veramente guide pratiche: molte propongono preparazioni incredibilmente complesse, neanche abitassimo al polo nord!

Bisogna però prendere alcuni accorgimenti per far riposare la moto qualche mese senza fare danni.

 

Come preparare la moto per l'inverno

1 - Carena

È importantissimo pulire il tuo mezzo per bene, eliminando soprattutto moscerini e macchie di resina.
Qualunque residuo potrebbe seccarsi e creare micro crepe nelle parti verniciate, portando a problemi ben più grossi di desquamazione e ruggine.

Una bella lavata con detergente neutro, una passata di polish e un po’ di attenzione prepareranno la tua moto al meglio! 
E un telone o un lenzuolo la salveranno dalla polvere.

 

2 - Garage o Rimessa

L’umidità, oltre ad essere il nemico del mio ginocchio sinistro, è il nemico di qualunque moto.
Un garage asciutto è senza dubbio importante per mettere a riposo la moto, se poi
non è freddissimo fai un punto in più!

 

3 - Motore

Sostituire l'olio motore e il suo filtro è una mossa facile e costa poco. Farlo prima di mettere la moto in letargo piuttosto che solo ad inizio stagione è una mossa che solo quelli furbi fanno, e torna più utile di quanto venga spontaneo pensare.
Cambiando l'olio vecchio rimuoveremo tutto lo sporco e gli scarti che si sono accumulati dall'ultimo cambio, evitando quindi che si depositino sulle componenti del motore durante il lungo periodo di inattività e che vadano in circolo quelle - poche - volte che ti ricorderai di accendere la moto.

Con un veloce cambio olio spurghi il sistema e garantisci al motore e alla frizione (in molti modelli sono lubrificati dallo stesso olio) una lubrificazione pulita durante l'inverno. La scorsa settimana abbiamo parlato di cos'è e a cosa serve la frizione antisaltellamento: clicca qui se potrebbe interessarti!

 

4 - Benzina e Serbatoio

Le leggende più diverse riecheggiano tra le mura dei bar dei "motociclsiti veri" sul come gestire il serbatoio e il suo contenuto nei momenti di pausa: tenerlo pieno, lasciarlo vuoto, farlo svuotare con la moto accesa, riempirlo con benzina e stabilizzatore e tanto - troppo - altro.

Ma la nostra è una guida pratica e veloce, non un trattato sulla chimica e la fisica della benzina.

Secondo noi, il modo più efficace per evitare problemi è:

1) Vai a fare benzina al distributore, riempi fino all'orlo il serbatoio con un mix di benzina e stabilizzante. Riempi anche una bottiglia o tanica di benzina extra, tornerà utile;
2) Sii generoso di gas nel tragitto di ritorno a casa, così da mandare in bene in circolo benzina e stabilizzante, facendogli raggiungere ogni parte del motore;
3) Parcheggia in garage e riempi di nuovo il serbatoio fino all'orlo con la benzina in più che hai portato a casa (ecco a cosa serviva!);
4) Riaccendi
la moto ogni paio di settimane (massimo), in modo da far muovere tutti i componenti e soprattutto far scorrere la benzina all’interno, che altrimenti tende a depositarsi, creare umidità, lasciare residui e arrugginimento.

Riaccendere in questo caso vuol dire dare il tempo al carburante di muoversi bene nel motore e a tutti i componenti di tornare in normale attività. Accendere la moto solo per un minuto non solo NON basta, ma consuma anche batteria prima che la moto riesca a ricaricarla, peggiorando quindi il decadimento della batteria!

Se ti senti coraggioso (e hai l’assicurazione attiva!) l'ideale è fare un breve giro.

Se hai una moto da pista, sgasa in garage, goditi il rombo e i flashback delle pieghe dell’estate scorsa, poi spegni la moto e torna mestamente in casa prima che i vicini inizino a urlare;

5) Ovviamente, ricordati di riempire di nuovo fino all’orlo il serbatoio con la benzina in più che avevi portato a casa (ecco a cosa serviva!).

Come preparare la moto per l'inverno

5 - Batteria

C’è chi stacca la batteria, c’è chi la lascia attaccata.

Noi di Portami in Pista consigliamo di lasciarla attaccata, ma solo se puoi accendere la moto al massimo ogni due settimane e fare quanto descritto sopra.

Se invece pianifichi di lasciare la moto ferma per qualche mese, il tuo migliore amico sarà un carica batterie apposito che possa mantenere la batteria carica e sempre in forma.
Attenzione!
Carica e sempre in forma NON vuol dire sempre carica! Mantenere una carica fissa è deleterio per le batterie, che invece stanno meglio quando si verifica un minimo di oscillazione. Infatti, una carica fissa determina la precipitazione di cristalli all'interno della batteria, portando al decadimento delle sue prestazioni.

Un mantenitore di carica di qualità è progettato in modo tale da far eseguire alla batteria della moto dei "cicli di discarge" programmati. In questo modo la tua batteria non risentirà dell'inattività prolungata e sarà pronta a partire al primo sole.

Puoi caricare la battieria sia lasciandola attaccata alla moto, sia scollegandola e portandola dentro. Per aiutarti nella scelta tieni in considerazione che alla batteria fanno male i due estremi di temperatura: sia il freddo che il caldo. Entrambe le situazioni infatti facilitano il decadimento della batteria, soprattutto il caldo.
Inoltre è facile intuire che dentro la batteria si trovano materiali particolarmente nocivi per la salute, e che un contatto incauto può avere conseguenze davvero spiacevoli - soprattutto per i bambini -.
Se hai la possibilità di scegliere, quindi, ti suggeriamo un luogo assolutamente non umido e più tendente al fresco che al caldo. Dentro casa è sconsigliato per la pericolosità domestica e perchè in effetti non c'è nessun bisogno di metterci su una copertina.

 

6 - Gomme

Come preparare la moto per l'inverno

La gomma è un materiale sicuro e resistente, ma anche lei teme l’umidità, il freddo e l'immobilità prolungata.

Umidità e freddo prolungato possono interferire con la carcassa e il compound della gomma, diminuendo le proprietà elastiche della gomma e determinando un deterioramento della performance.
La sosta prolungata può gravare particolarmente su un pezzo in particolare di pneumatico, andando ad alterarne la struttura e rotondità per via del peso prolungato che ci grava sopra.

 

Soluzione? Certo!
     1) Gonfia la gomma ad un valore più alto di quello raccomandato (trovi una nostra Guida su come trovare le giuste pressioni per le tue gomme qui!). In questo modo contrasterai il normale ed inevitabile perdita di qualche PSI nel tempo. Inoltre, se non sollevi la moto sui cavalletti, una pressione più alta aiuterà a mantere la carcassa dello pneumatico più sosteuta e meno vulnerabile a deformazioni;
     2) Solleva la moto sui cavalletti (possibilmente anteriore E posteriore). Tornerà utile anche per la manutenzione!
          Se non hai modo di usare dei cavalletti, procurati due assi di legno su cui mettere la moto: grazie alle proprietà del legno le gomme saranno perfettamente isolate dal freddo dell'asfalto.

 

7 - Freni

Anche qui ci sono varie scuole di pensiero.

Noi consigliamo di lasciare i freni così come stanno, senza applicare tensione.

 Se intendi lasciare la moto ferma per alcuni mesi di fila ti basterà mettere un foglio di carta tra la pastiglia e il disco, in modo che l’umidità non li faccia attaccare.

E se devi cambiare il fluido dei freni, fallo in primavera! Al contrario dell'olio motore infatti, il liquido dei freni non lubrifica nessun componente. Durante l'inverno l'unica cosa che succede è che assorbe l'umidità circostante, che va a "sporcare" la qualità del liquido.

La cosa più furba è quindi aspettare di riprendere la moto e solo dopo cambiare il liquido freni!

Una cosa ancora più furba è leggere la nostra Guida su come cambiare il liquido dei freni, che scriveremo a breve. Controlla sulle nostre Guide del Giovedì: potrebbe essere già uscita il giorno che stai leggendo questo articolo!

Questo punto si collega benissimo con quanto scritto sotto, infatti...

8 - Controllino primaverile

Quando pianifichi di risalire in sella al bolide, prenditi una o due settimane prima per fargli un check up completo!

Pressione delle gomme, liquido freni, controllo di cavi, pastiglie, fluidi vari, benzina e chi più ne ha più ne metta.

Se avete seguito questa e altre Guide del Giovedì non dovreste avere problemi!

Ma c’è un consiglio ancora più importante degli altri . . .

 

NON FAR SENTIRE SOLA LA TUA MOTO!

Una moto sola è una moto che arrugginisce, che avrà la batteria morta, i pneumatici sgonfi e tantissimi altri acciacchi.

Il modo migliore per prevenire tutti i problemi è solo questo: non lasciare sola la tua moto in garage! Falla sentire amata e coccolata e accendila ogni tanto per farle scaldare il suo cuore meccanico e pulsante.

E ti assicuriamo che in primavera sarà pronta quanto te a tornare sull’asfalto! ❤️

 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE


La corretta pressione delle gomme


Come pulire la visiera del casco

 

Se vuoi più info sui nostri corsi di perfezionamento della guida della moto oppure se vuoi parlare con uno dei nostri piloti contattaci su Facebook, Instagram o mandaci una Email info@portamiinpista.it!

 

Se hai trovato questa guida utile, condividila con i tuoi amici motociclisti usando Facebook, Whatsapp o mandandogliela via mail. Trovi dei comodi bottoncini per farlo qui sotto!

Ognuno di noi bikers può fare il suo per aiutare la nostra community: noi pensiamo a scrivere, tu puoi diffondere! Facebook, Whatsapp, email e altri social... vale tutto!